Posso comprare gli indirizzi email per gli invii promozionali? | Thinko - comunicazione creativa

Soluzioni specifiche per il Benessere della tua Azienda.

Campagne Pubblicitarie, Immagine Aziendale, Siti Internet e Web Marketing

Posso comprare gli indirizzi email?

PUBBLICATO IL 19 aprile, 2013 - da | |

Se da una parte sono cresciute la consapevolezza e l’attenzione a una dimensione professionale dell’email marketing, profilato e programmato, dall’altra è aumentato molto il numero di operatori inesperti che, a fronte di un volume doppio di invii rispetto all’anno precedente, mantengono un approccio poco professionale e largamente sperimentale.

Email Marketing non significa “comprare lista” + “invio di massa” ma “costruire una lista”, “fidelizzare gli iscritti”, “inviare email personalizzate”.

Cosa dice la Legge sulla Privacy

La normativa italiana vigente non consente di comprare indirizzi e inviare email promozionali a tali indirizzi, senza eccezioni.

Quello che è consentito è comprare un database di indirizzi, assumendoti al 100% la responsabilità su come questi indirizzi sono stati raccolti. Una volta acquisito questo database prima di poterci fare qualsiasi cosa si deve inviare una mail non promozionale chiedendo il consenso al trattamento dei dati. I soli utenti che “proattivamente” forniranno il consenso saranno quelli ai quali si potranno inviare le email promozionali. Ad ogni modo, mentre sui piccoli numeri non vale l’investimento, questa pratica è sconsigliata sui grandi numeri perchè anche se legalmente non è spam, tecnicamente viene trattato allo stesso come spamming  dai server di posta come ad esempio Gmail.

Liste di qualità

La qualità del proprio database e della profilazione delle liste è un aspetto molto rilevante per l’andamento complessivo delle performance d’invio e della conseguente reattività degli utenti. Tanto più un database è stato costruito con attenzione, rispettando le normative sulla privacy e senza acquistare indirizzi presso terzi, tanto più alto sarà il tasso di utenti attivi e le percentuali di apertura, click ai link interni e conversione.

Quindi cosa fare?

Il modo migliore per costruire liste proprie e di qualità è quello di realizzare campagne a contenuto creativo o promozioni, o dare in cambio qualcosa, in modo tale che gli utenti che arrivano sul sito aziendale siano invogliati a lasciare il loro indirizzo email per essere contattati in futuro: mai costringere ma invogliare.

Per approfondire leggi l’articolo su come fare un direct mailing efficace su questo blog, dove troverai approfondimenti alla normativa, alle Liste in Affitto e quant’altro.

| Altro